fbpx

Windows 11: ecco quali sono i requisiti per avere una sicurezza migliore

Di recente, la nuova decisione da parte di Microsoft di aggiornare quelli che sono i requisiti hardware minimi per Windows 11 ha destato molti dubbi. Proprio per questo motivo, Microsoft, è ritornata di nuovo sull’argomento, così da specificare quali sono stati i reali motivi di una scelta simile, dovuti a produttività e sicurezza. Infatti, chi vorrà testare le build preliminari di questo nuovo sistema operativo, potrà aggirare il vincolo del TPM 2.0, ma dovrà possedere una CPU recente.

Windows 11 e la nuova sicurezza

Microsoft e tutti i requisiti Windows 11: ecco cosa aspettarsi

Windows 11: nuovi requisiti per maggiore sicurezza

Adesso, Microsoft ha rilasciato le build di Windows 11, è stato fatto attraverso il programma Insider. Così possono essere installate solamente sui computer con Windows 10, proprio questo ha destato dei problemi. Infatti, solamente quelli che hanno i processori Intel Core e AMD Ryzen, che partono dalla serie 2000. Inoltre, sarà importante che il computer abbia almeno 4 GB di RAM, TPM 2.0 e Secure Boot.

Alcuni computer non sono idonei per Windows 11, il motivo per cui stiamo facendo tutto questo è quello di mantenere i dispositivi più produttivi e sicuri che mai.

Microsoft
Windows 11:  i requisiti per avere una sicurezza migliore

L’aggiornamento a Windows 11 sarà disponibile e distribuito tramite Windows Update. Il controllo sulla stessa compatibilità dovrà essere effettuato prima di andare a scaricare il file. Non è possibile aggirare i requisiti minimi con criteri di gruppo locale.

Al momento non è possibile installare Windows 11 su tutte le tipologie di computer che hanno dei processori più vecchi di quelli citati poc’anzi. Si può, però, superare il requisito del TPM 2.0, anche quello di Secure Boot e dei 4 GB di RAM, basta fare uso dell’editor del registro di sistema. Nel momento in cui spunta la schermata “Questo PC non può eseguire Windows 11“, l’utente dovrà selezionare la combo di tasti Shift+F10, così da aprire il prompt dei comandi e selezionare regedit.

Dopo che si è chiuso l’editor e il prompt dei comandi, basta premere il pulsante Indietro, si intende il tasto con la freccia rivolta a sinistra, così da chiudere la finestra e poter visualizzare le schermate successive della procedura di installazione.

Potrebbe interessarti

Kindle o Kobo: quale e-reader scegliere

© 2020 casawifi.it -  C.F TRSGLC89M04I470F 

casawifi.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.