Che valore ha un Tamagotchi degli anni ’90?

Il Tamagotchi, uscito in Italia tra il 1996 e il 1997, ovvero quel piccolo pulcino virtuale di Bandai, conquistò tutti diventando un fenomeno planetario, tanto che vendette milioni di pezzi.

Va chiarito che ne esistono diverse versioni, tanto che ancora oggi è prodotto da Bandai e commercializzato in tantissime versioni differenti con caratteristiche diverse, dalla connettività Wi-Fi alla possibilità di avere il display a colori, tanti modelli al fine di accontentare ogni fascia di pubblico.

Ma avete mai pensato al reale valore di un Tamagotchi originale anni ’90? Be’, se non lo avete fatto non succede niente, dato che Bandai ha venduto circa oltre 80 milioni di ovetti, per cui è un gioco abbastanza comune, con conseguenti cloni asiatici che hanno riempito il mercato. Così da associare l’anima digitale da compagnia a qualsiasi dispositivo.

Potrete trovare prezzi medi, delle versioni Tamagotchi anni ’90 ancora sigillate nella confezione a circa 50 euro, cifra che potrebbe salire solo per alcune varianti cromatiche o per le singole versioni esclusive per il Giappone. Altrimenti, una versione usata e senza scatola la si trova a 20 euro.

Potrebbe interessarti

La crisi economica c’è ma non intacca il settore tecnologico?

Che la pandemia abbia dato una ulteriore mazzata all’economia mondiale ed italiana è un dato di fatto. Tra restrizioni e chiusure, sono tantissime le attività di grande e piccola entità che hanno dovuto chiudere i battenti. Moltissime aziende, anche dopo il periodo più tragico, non sono riuscite a tornare in prima linea e hanno dovuto…

Continua a leggere

© 2020 casawifi.it -  C.F TRSGLC89M04I470F 

casawifi.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.