fbpx

Ubisoft: Yves Guillemot scrive una lettera di rassicurazione ai dipendenti

Questa notizia ha destato molto interesse, ne avevamo parlato pochi giorni fa, del fatto che Ubisoft sia stato accusato di casi di molestie e discriminazioni. Tutto questo ha portato il CEO Yves Guillemot a prendere subito provvedimenti.

Tutto ciò non pare che abbia portato un cambiamento alla struttura dell’azienda, tanto è vero che il capo di Ubisoft ha mandato una lettera ad ogni dipendente per rassicurarlo. Lo sciopero che è stato fatto dagli impiegati di Activision Blizzard ha dato seguito ad un movimento alquanto esteso, infatti ha portato molte altre aziende con sé, come quella francese, dove i dipendenti hanno cominciato a fare pressione in modo da far cambiare le cose totalmente.

ubisoft ceo lettera

Proprio per tale motivo, il CEO di Ubisoft, ha mandato una lunghissima lettera, dove spiega l’intenzione di migliorare l’organizzazione della stessa azienda, così da prevenire situazioni come quelle di questi mesi.

A tal scopo hanno inserito dei corsi di formazione, migliorato le politiche delle risorse umane e dato il via a processi attraverso la quale tutti i contenuti di gioco siano analizzati in modo da far uscire fuori le possibili problematiche. Tra tutte le varie iniziative, ci sono anche delle sessioni di ascolto con i dipendenti e molteplici sondaggi, in modo da risolvere immediatamente eventuali problemi legati a discriminazioni, molestie e minacce senza danneggiare i dipendenti che subiscono tali angherie.

Chiaro che il processo non sarà immediato e tutti i miglioramenti saranno visibili solo nel terzo quarto dell’anno corrente, nel momento in cui l’azienda pubblicherà l’aggiornamento sulla situazione. Una piccola curiosità? La Activision ha assunto WilmerHale, si tratta dello studio legale che riuscì ad impedire l’arrivo dei sindacati in Amazon.

Potrebbe interessarti

© 2020 casawifi.it -  C.F TRSGLC89M04I470F 

casawifi.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.